Cerca
  • Dott Claudio Lambertoni

IL NASO: UN OTTIMO CONDIZIONATORE D’ARIA!

QUALI SONO LE SUE FUNZIONI PRINCIPALI?


Le funzioni principali sono, come quelle del condizionatore di casa, il riscaldamento, l'umidificazione e la filtrazione dell'aria che respiriamo


Riscaldamento: Il riscaldamento e anche l’umidificazione dell’aria avviene grazie a organi contenuti all’interno del naso naso detti turbinati. Essi sono costituiti da un piccolo scheletro osseo rivestito da mucosa. La mucosa che è di tipo respiratorio con cellule dotate di ciglia vibratili, poggia su di una sottomucosa ricca di reti di vasi capillari, di shunt arterovenosi e di laghi venosi (tessuto erettile del naso).

Questo tessuto è in grado di cambiare di volume con estrema rapidità aumentando o diminuendo la quantità di sangue in esso contenuta. Il sangue cede ovviamente calore all’aria e grazie a questo meccanismo l’aria della faringe ha sempre una temperatura di 36°, qualunque sia quella dell'esterno. Se l’aria è fredda i turbinati si gonfiano di sangue e cedono calore, se l’aria è calda si svuotano e non Modificano le caratteristiche della temperatura.


Umidificazione: La mucosa che riveste le fosse nasali è ricca di ghiandole siero-mucose alle quali è deputata la produzione del muco nasale. Un'importante funzione del muco è quella di umidificare l'aria inspirata grazie al suo contenuto acquoso. Qualunque sia l'umidità di partenza, all'uscita dal naso l'umidità si aggira costantemente sull'80%. Per espletare tale funzione le ghiandole producono più muco cedendo umidità all’aria e il tessuto erettile nasale cambia le dimensioni dei turbinati per cambiare il tipo di flusso aereo.


Filtrazione: Un primo grossolano filtraggio viene eseguito nel vestibolo nasale ad opera delle vibrisse (peli delle narici). Il grosso della filtrazione avviene però a livello delle teste dei turbinati. Qui il 70-80% delle particelle con diametro da 3 a 5 micron (e quasi il 100% di quelle più grandi) resta incarcerato nel tappeto delle ciglia vibratili. Queste "battono" ad un ritmo variabile (da 150 a 1500 volte al 1’) spostando verso l'esterno il "lenzuolo di muco" che riveste le cellule. Purtroppo il sistema non riesce a filtrare e bloccare le polveri sottili con diametro di 2,5 micron che diventano quindi addirittura respirabili, ciò significa che possono penetrare nei nostri polmoni fino ad accumularsi nel sangue e raggiungere varie parti del nostro organismo.


In caso di inefficiente respirazione nasale, quando siamo costretti a respirare con la bocca addirittura anche le polveri sottili con diametro fino a 10 micron sono inalabili e si accumulano nei polmoni.


Tornando al nostro esempio del condizionatore d'aria, l'aria fredda stimola l'aumento di volume dei turbinati che si riempiono di sangue e cedono calore per riscaldarla, l’aria calda inibisce questo meccanismo. L’aria umida stimola l’aumento di produzione di muco nasale per poterla umidificare, l’aria secca inibisce la reazione. Pensiamo, ad esempio, alla fastidiosa produzione di muco nasale quando ci troviamo di fronte a situazioni in cui l’aria è molto fredda come quando siamo in alta montagna.

Funzione olfattiva: Il processo dell'olfatto consta di una prima fase, detta della trasmissione dello stimolo, in cui l'aria inspirata raggiunge la fessura olfattiva e le particelle odorose vengono adsorbite nel lenzuolo di muco che ricopre le cellule sensoriali. È del tutto sconosciuta la seconda fase, quella che si svolge a livello delle cellule. Le ipotesi sono numerose, ma in realtà non sappiamo neppure se differenti cellule, o differenti luoghi della loro membrana, siano recettivi per odori differenti. Per generare una sensazione olfattiva le particelle inspirate devono raggiungere una zona particolare delle fosse nasali dove esiste l’epitelio neurosensoriale (regione olfattoria).


Tale zona è situata nella parte più alta del naso. Ogni malattia del naso che causa ostruzione al passaggio dell’aria può determinare diminuzioni dell’olfatto (ipoosmia) o anche scomparsa totale del senso (anosmia).


Ricordiamo in particolare:

  • Ipertrofia dei turbinati (“gonfiore della mucosa che li riveste”)

  • Deviazioni del setto nasale

  • Polipi nasali

QUAL È LA MIGLIOR CHIRURGIA DEL NASO?

Valutando L'importanza fondamentale delle funzioni fisiologiche del naso è evidente che le tecniche chirurgiche più moderne devono risolvere da un lato le patologie ma cercare di conservare dall’altro lato tutte le funzioni. È per questo motivo che negli ultimi anni è nata tutta una serie di tecniche chirurgiche mini invasive che da una parte consentono la correzione delle patologie nasali e dall’altra mantengono inalterate le funzioni fisiologiche del naso. I turbinati vengono svuotati dall’interno conservando integra la mucosa e riducendo di volume la sottomucosa. Le funzioni fisiologiche del naso in questo tipo di chirurgia vengono assolutamente mantenute.


Tra le tecniche più efficaci eseguo da anni la devascolarizzazione sottomucosa o svuotamento funzionale dei turbinati con laser a diodi e con radiofrequenza di terza generazione (coblator).


In queste tecniche utilizzo la sola anestesia locale con sedazione, non uso mai i fastidiosissimi tamponi nasali. Il paziente permane in struttura 2-3 ore e può riprendere le proprie mansioni lavorative già il giorno successivo all’intervento.

4 visualizzazioni

Dott. Claudio Lambertoni

Specialista in Otorinolaringoiatria-Chirurgia dei Turbinati, Rinoplastica, Russamento e Apnee del sonno

Medico Chirurgo, iscritto allordine dei Medici di Milano al n° 35641, nato il 3 marzo 1953.

  • Bianco Facebook Icon
  • Bianco YouTube Icona
  • Bianco LinkedIn Icon

© 2019 by Claudio Lambertoni. Proudly created by #SaidiSEO

CONSULENTE PRESSO
Casa di cura Columbus Milano

Via M.Buonarroti, 48 - 02 48080608


Casa di cura Quisisana,

Via Gian Giacomo Porro n° 5

334 2880508

STUDI MEDICI
Milano

Studio medico associato Futura

Viale Col di Lana n° 2 - 334 2880508;

Clinica Columbus - Via M. Buonarroti, 48

Tel 02 480801; 0248080608


Roma

Casa di cura Quisisana,

Via Gian Giacomo Porro n° 5 -

334 2880508

RECAPITI
Tel. Mobile: 334 2880508

e-mail: claudiolambertoni@yahoo.it