Cerca
  • Dott. Claudio Lambertoni

Diagnosi del russamento e delle apnee del sonno

Aggiornato il: 3 ott 2019

Metodi di diagnosi e quali visite e quali terapie fare?


Il rumore caratteristico del russamento viene prodotto dalla vibrazione di organi e strutture attraversati dall'aria nella respirazione: il palato molle, l'ugola, la parete posteriore della gola, le tonsille, la lingua, l'epiglottide.


Il russare come malattia


Solo recentemente si è compreso che questa particolare forma di emissione sonora (roncopatia) può provocare serie conseguenze per la salute di chi ne soffre e  costituisce il segnale d'allarme di due malattie importanti: la roncopatia  cronica (russare abitualmente) e la più grave sindrome da Apnee del Sonno detta OSAS (acronimo di Obstructive Sleep Apnea Syndrome).


Nella roncopatia cronica i pazienti russano in modo discontinuo, a volte con  forte rumorosità e progressivamente tendono a presentare sintomi che indicano un sonno disturbato ed una ridotta ossigenazione dell'organismo: risveglio difficile, affaticamento mattutino, sonnolenza diurna e talvolta cefalea.

Gradualmente la roncopatia può evolvere nella ben più grave Sindrome delle Apnee del Sonno.


Sempre più studi confermano quanto la roncopatia cronica e i disturbi del sonno incidano sulla salute

Sindrome delle Apnee del Sonno (OSAS)


Ne soffre più di un milione e mezzo di italiani con un impatto economico di quasi tre miliardi sulla sanità pubblica. L’OSAS (Obstructive Sleep Apnea Syndrome), ovvero la Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno, sta diventando un allarme sociale per la serie di patologie a cui è collegata (in particolare per le conseguenze cardiovascolari e neurologiche), ma anche per la pericolosa incidenza che ha negli incidenti stradali.


Secondo le ultime stime ne è alla base nel 22% dei casi in Italia (e addirittura nel 30% in tutta l’UE): la sindrome ogni anno causa oltre 17mila sinistri con una media di 250 morti e più di 12mila feriti.


Nella Sindrome delle apnee del sonno, il sonno del paziente è caratterizzato dal russare interrotto da silenzi di almeno 10 secondi, da frequenti risvegli (arousal), da agitazione, da continui cambiamenti di posizione, nelle fasi di apnea il soggetto non riesce a respirare e possono comparire "rantoli e boccheggiamenti" (choking e gasping). 


Con il passare degli anni, la Medicina ha sviluppato strumenti sempre più sofisticati per diagnosticare i disturbi del sonno. Le cause della patologia vengono oggi accertate con certezza e una diagnosi sempre più precisa consente nuove terapie mediche, fisiche, protesiche e chirurgiche sempre più efficaci e meno invasive.

Progressivamente compare una  sintomatologia tipica caratterizzata da:  - Senso di "non aver ripostato bene" al risveglio - Cefalea nelle prime ore del mattino - Marcata stanchezza durante il giorno - Sonnolenza diurna e colpi di sonno - Difficoltà di concentrazione - Vertigini, irritabilità, perdita di memoria

- Ansietà o depressione - Diminuzione degli impulsi sessuali fino all'impotenza.

- Ipertensione resistente alle terapie

- Diabete

- Diminuzione degli impulsi sessuali fino all'impotenza

- Gravi complicanze cardiovascolari e neurologiche (infarto e ictus)


L'importanza della visita Otorinolaringoiatrica


La visita otorinolaringoiatrica è fondamentale per la diagnosi del russamento e delle apnee del sonno.

Consente un primo orientamento sulle patologie responsabili della malattia.


Durante la visita si eseguono:


Esame obbiettivo otorino completato da esame con le fibre ottiche (fibrolaringoscopia) per la ricerca di cause di ostruzione al passaggio della aria:

- Cause Nasali: deviazione del setto nasale, ipertrofia dei turbinati, polpi nasali

- Cause Rinofaringee: vegetazioni adenoidi, cisti, polipi, tumori

- Cause Faringee prolasso di ugola/palato/pareti faringee, ipertrofia delle tonsille palatine

- Cause Ipofaringee: ipertrofia della tonsilla linguale, lingua grossa (macroglossia)

- Cause Laringee: malacia (debolezza) dell'epiglottide, epiglottide ad omega


Esame obiettivo generale per la ricerca di cause favorenti:

- Eccesso ponderale, obesità (con calcolo dell’indice di massa corporea - BMI)

- Micro/retrognazia (mandibola piccola e arretrata)

- Collo corto e taurino (con diametro della camicia superiore a 43 cm per il sesso maschile e 40 cm per le donne)


Compilazione di un questionario per evidenziare la sonnolenza diurna (scala di Epworth)

Il questionario o scala di Epworth è molto utile per valutare se il paziente soffre di sonnolenza diurna.

E’ un ottimo strumento per sospettare l'esistenza di Sindrome delle apnee del sonno.

Se si riscontra una forte sonnolenza diurna è verosimile che il paziente soffra di OSAS.

Si consegna il questionario al paziente che deve rispondere ad alcune semplici domande.

Si valuta il punteggio ottenuto e si elaborano i risultati.



Il Questionario di Epworth (ESS) è un ottimo sistema per capire se si soffre di russamento abituale o di apnee del sonno (OSAS). Più é alto il punteggio (>10) più si è affetti da aumento della sonnolenza diurna e si è a rischio di OSAS


Per saperne di più e scaricare il questionario,

vai alla pagina Otorinolaringoiatria


#apneedelsonno #clinicadelsonno #russamentoeapnee

20 visualizzazioni

Dott. Claudio Lambertoni

Specialista in Otorinolaringoiatria-Chirurgia dei Turbinati, Rinoplastica, Russamento e Apnee del sonno

Medico Chirurgo, iscritto allordine dei Medici di Milano al n° 35641, nato il 3 marzo 1953.

  • Bianco Facebook Icon
  • Bianco YouTube Icona
  • Bianco LinkedIn Icon

© 2019 by Claudio Lambertoni. Proudly created by #SaidiSEO

CONSULENTE PRESSO
Casa di cura Columbus Milano

Via M.Buonarroti, 48 - 02 48080608


Casa di cura Quisisana,

Via Gian Giacomo Porro n° 5

334 2880508

STUDI MEDICI
Milano

Studio medico associato Futura

Viale Col di Lana n° 2 - 334 2880508;

Clinica Columbus - Via M. Buonarroti, 48

Tel 02 480801; 0248080608


Roma

Casa di cura Quisisana,

Via Gian Giacomo Porro n° 5 -

334 2880508

RECAPITI
Tel. Mobile: 334 2880508

e-mail: claudiolambertoni@yahoo.it